Your browser does not support SVG

Semplice, naturale e rispettosa delle materie prime

Quando ho iniziato a scrivere di cucina ero molto giovane, avevo solo 18 anni. Il mio maestro era mio padre Riccardo. È stato uno dei primi giornalisti enogastronomici italiani all’inizio degli anni ’70. L’ho seguito nei suoi viaggi alla scoperta di tradizioni alimentari perdute e nelle interviste a produttori di vino, chef e ristoratori. Ho imparato molte cose. Principalmente sul cibo naturale, sul rispetto della stagione e sull’arte di aspettare che un prodotto sia pronto, come prosciutto e formaggio. Il secondo incontro importante fu Alfonso Iaccarino. L’ho conosciuto per un’intervista alla fine degli anni ’80. Ho cenato con lui nel suo ristorante, Don Alfonso a Sant’Agata sui due Golfi, nella penisola sorrentina. Ho assaggiato una delle migliori ricette della mia vita, che ancora ricordo: giostra di melanzane. Nello stesso piatto ha servito melanzane cucinate in tanti modi diversi. Mi ha detto: “… Davide, ricorda, chiunque può cucinare foie gras e caviale, ma solo un bravo chef può fare un buon piatto con una verdura povera”. Ancora oggi è più difficile cucinare sedano o zucchine piuttosto che materie prime più ricercate e gourmet. La terza persona importante che ho incontrato nella mia vita professionale è stato un rinomato chef veneto, Enzo De Prà del Ristorante Dolada, vicino Belluno. Stava tenendo un corso di cucina. Entrò nella aula con un piccione morto tra le mani e iniziò a parlare: “Questo piccione ha dato la vita per noi. Volete ucciderlo una seconda volta”? Mi ha insegnato il rispetto per il cibo: verdure, selvaggina, carne, pesce… non mi piace quando qualcuno uccide una seconda volta qualsiasi tipo di cibo. Nella mia vita di giornalista ho provato tanti ristoranti, incontrato tanti chef, assaggiato ricette creative, tradizionali e innovative: ognuno mi ha trasmesso un pezzo del suo sapere, dalle proprietà dei cibi alle ultime tecniche di cottura. Ora, la mia filosofia si basa sulla valorizzazione e sul rispetto del gusto originale del cibo, utilizzando il minor numero di ingredienti possibile. All’Agriturismo Poggio del Gallo il nostro obiettivo è quello di offrire ai nostri ospiti una vasta scelta di cibi fatti in casa di alta qualità, sicuri e sani. Una nuova sfida è iniziata…





Icona di Verificata con community
Davide Di Corato
Davide Di Corato, agricuoco, foodwriter